Storie Olimpiche — 9 dicembre 2013 at 12:00

Venduta all’asta per 1.5 milioni di dollari una medaglia d’oro vinta da Jesse Owens a Berlino 1936

by

downloadUna delle storiche 4 medaglie d’oro, vinte dall’atleta afroamericano Jesse Owens alle Olimpiadi di Berlino 1936, è stata venduta all’asta per quasi 1,5 milioni di dollari ($ 1.47).

E’ la cifra più alta mai pagata per un cimelio olimpico. Sino a ieri questo primato apparteneva alla Coppa d’argento data al greco Spyridon Louis, il vincitore della maratona, nella prima edizione dei Giochi Olimpici Moderni ad Atene nel 1896 (circa 870mila dollari).

Quella di Owens è tra le più importanti e celebri pagine nella storia dello sport. Nelle Olimpiadi del 1936 vinse nell’atletica 100 metri, 200 metri, salto in lungo e 4×100 metri, proprio in casa di Hitler che voleva dimostrare con quell’edizione la presunta supremazia della “razza ariana”.

clicca qui per leggere la storia olimpica di Jesse Owens

Non si sa a quale evento dei 4 appartenga la medaglia venduta all’asta, mentre sembra che ad essersela aggiudicata sia uno dei proprietari della squadra di hockey NHL dei Pittsburgh Penguins.

Leave a Reply