Seul 1988 - 25 anni dopo, Storie Olimpiche — 22 settembre 2013 at 00:00

Seul 1988 / 25 anni dopo – 22 settembre: Janet Evans stupisce ancora, doppio argento italiano nel Pentathlon

by

janet88Proseguiamo il nostro percorso nella rivisitazione delle Olimpiadi di Seul 1988, giorno per giorno, in occasione del 25mo anniversario. Oggi rivediamo quanto accaduto il 22 settembre di 25 anni fa.

Nuoto: La statunitense Janet Evans continua a sorprendere. Alta 1.66 per 46kg di peso e non ancora 17enne, mette in fila tutte le rivali, conquistando il suo secondo oro a Seul, nella vittoriosa finale dei 400 stilelibero femminili. Stabilisce anche il nuovo record mondiale in 4’03″85, un tempo che resisterà per ben 18 anni, prima di essere battuto dalla francese Laure Manudou. Sul podio, dietro di lei, le tedesche dell’est Heike Friedrich e Anke Mohring.

Nei 100 stilelibero maschili l’americano Matt Biondi raccoglie il suo secondo oro. Con 48″63 firma il nuovo primato del mondo, battendo il connazionale Chris Jacobs.

il video della finale dei 100 stilelibero maschili a Seul 1988:

Gli altri titoli assegnati in piscina il 22 settembre vanno alla tedesca dell’est Kristin Otto (100 dorso femminili), al sovietico Igor Polyanski (200 dorso maschili) e al quartetto della Germania dell’Est (staffetta 4×100 femminile).

Pentathlon Moderno: L‘Italia rimpingua il suo medagliere grazie ai due argenti che arrivano da questa storica disciplina. Carlo Massullo è secondo nella prova individuale dietro l’ungherese Janos Martinek, così come la squadra (Massullo, Tiberti e Masala) che è superata in classifica solo dai magiari.

Scherma: Podio tutto occupato dalla Germania dell’Ovest nel fioretto femminile: oro Anja Fichtel, argento Sabine Bau, bronzo Zita-Eva Funkenhauser.

downloadCiclismo: Il sovietico Ginatautas Umaras vince l’inseguimento individuale su pista, superando in finale l’australiano Dean Woods.

Ginnastica artistica: Il sovietico Vladimir Artemov si aggiudica l’all-around individuale maschile. Il podio è completato dai suoi connazionali Valery Liukin (papà della futura campionessa olimpica Nasyta) e Dmitry Bilozerchev.

download (1)Equitazione: Il neozelandese Mark Todd è oro nel completo individuale, in sella a Charisma, bissando così il successo ottenuto 4 anni prima ai Giochi di Los Angeles 1984. A Seul vincerà anche il bronzo nella prova a squadre vinta dalla Germania Ovest. Todd scriverà ancora altre pagine importanti come il suo ritorno sul podio (bronzo nel completo a squadre) a Londra 2012, a 56 anni e a distanza  di 28 anni dalla prima medaglia olimpica, un record.

clicca qui per guardare il video ufficiale della vittoria di Mark Todd a Seul 1988

Sollevamento pesi: Il bulgaro Borislav Gidikov vince l’oro nella categoria dei 75kg ma sarà l’ultimo pesista a gareggiare a Seul per la sua nazione. La Bulgaria infatti ritira il resto della squadra per protesta contro le squalifiche comminate nei giorni scorsi a Grablev e Genchev.

olympics_03Pugilato: L’assegnazione dei titoli è ancora lontana, si combatte nei turni eliminatori ma il 22 settembre accade un episodio che condizionerà tutto il torneo. Nella sfida dei pesi gallo tra il bulgaro Aleksander Hristov ed il coreano Byun-Jong-Il, ci sono diverse scorrettezze fra i due pugili. L’arbitro neozelandese Walker infligge al beniamino di casa due penalità che risulteranno decisive. A fine match sul ring si scatena una vera e propria rissa. Il coach coreano colpisce alla schiena l’arbitro e salgono persino alcuni spettatori inferociti. A fatica la situazione viene riportata alla calma ma Byun, sconfitto, resta seduto sul ring per 67 minuti, al buio, al centro del quadrato, per protesta contro il verdetto. Dopo questo episodio, non ci sarà più la tranquillità fra i giudici e assisteremo a diversi scandali arbitrali a favore dei pugili di casa, alcuni dei quali clamorosi, ma ne parleremo a suo tempo.

Ecco nel video alcuni momenti di quella rissa:

Tutti i giorni, dal 17 settembre al 2 ottobre, segui lo speciale “Seul 1988 – 25 anni dopo” su “Cerchi di Gloria” nella sezione “Storie Olimpiche”. Seguiteci anche su facebook, twitter e youtube.

Leave a Reply