Seul 1988 - 25 anni dopo, Storie Olimpiche — 21 settembre 2013 at 00:00

Seul 1988 / 25 anni dopo – 21 settembre: Cerioni è oro nel fioretto, Battistelli fa la storia del nuoto maschile italiano

by

32_cerioniProseguiamo il nostro percorso nella rivisitazione delle Olimpiadi di Seul 1988, giorno per giorno, in occasione del 25mo anniversario. Oggi rivediamo quanto accaduto il 21 settembre di 25 anni fa.

Scherma: Dallo sport che ha portato più medaglie nella storia olimpica all’Italia, arriva il secondo oro azzurro nei Giochi di Seul. Lo conquista Stefano Cerioni nel fioretto individuale maschile. Il futuro CT della nazionale, allora 24enne, passa attraverso i recuperi e si fa strada sino alla finale in cui sconfigge il tedesco dell’est Udo Wagner 10-7. Cerioni aggiunge questa medaglia all’oro a squadre e al bronzo individuale, vinti 4 anni prima a Los Angeles. Al terzo posto si classifica il sovietico Aleksandr Romankov.

Ginnastica artistica: L’Unione Sovietica (Shushunova, Boginskaya, Laschenova, Baitova, Shevchenko, Strazheva) vince la medaglia d’oro nella prova a squadre davanti a Romania e Germania Est.

83925485Nuoto: Il programma delle finali natatorie del 21 settembre 1988, prevede 5 titoli in palio. La gara dall’esito più sorprendente è senza dubbio quella dei 100 farafalla maschili. A vincerla è infatti Anthony Nesty (53″00 nuovo record olimpico) che brucia per un centesimo il favorito Matt Biondi. Per l’americano che puntava ad eguagliare il record di 7 ori, ottenuti a Monaco 1972 dal connazionale Mark Spitz, è fatale lo sbaglio nella bracciata finale che porta ad una nuova delusione dopo la sconfitta nei 200 stilelibero. Per Nesty invece è un trionfo storico, ottiene il primo oro nella storia del Suriname e diventa il primo nuotatore di colore a salire sul gradino più alto in una Olimpiade. Diventerà anche campione mondiale nel 1991 e salirà ancora sul podio olimpico, terzo nella stessa gara a Barcellona 1992

clicca qui per guardare il video ufficiale della vittoria di Nesty

La tedesca dell’est Heike Friedrich si aggiudica l’oro nei 200 stilelibero femminili, a suon di record olimpico (1’57″65), mentre nei 200 rana femminili la sua connazionale Silke Horner si impone stabilendo il nuovo primato del mondo (2’26″71).  Un altro record arriva dalla finale della 4×200 stilelibero maschile vinta dal quartetto Usa (prima gioia per Biondi) davanti a Germania Est e Germania Ovest con il tempo di 7’12″51.

Il 21 settembre diventa poi una data storica per il nuoto italiano grazie all’allora 18enne Stefano Battistelli che conquista la prima medaglia maschile per i colori azzurri in tutta la storia olimpica: il bronzo nei 400 misti vinti dall’ungherese Tamas Darnyi (4’14″75 record mondiale), uno dei più grandi interpreti della specialità, capace di ripetere la doppietta 200-400 misti anche 4 anni dopo a Barcellona 1992, dove Battistelli sarà ancora bronzo, stavolta nei 200 dorso.

Altri titoli vengono assegnati nella lotta, nel tiro e nel sollevamento pesi dove si registra un nuovo caso doping. Il bulgaro Angele Genchev domina nella categoria dei 67.5 kg ma viene squalificato per aver assunto un lassativo vietato, come probabile diluente di anabolizzanti. L’oro passa al tedesco dell’est Joachim Kunz.

Tutti i giorni, dal 17 settembre al 2 ottobre, segui lo speciale “Seul 1988 – 25 anni dopo” su “Cerchi di Gloria” nella sezione “Storie Olimpiche”. Seguiteci anche su facebook, twitter e youtube.

Leave a Reply