Storie Olimpiche, Tokyo 1964 - 50 anni dopo — 22 ottobre 2014 at 00:00

Olimpiadi Tokyo 1964 / 50 anni dopo: I Giochi si chiudono con gli atleti azzurri protagonisti nelle ultime 3 giornate di gara

by
Franco Menichelli

Franco Menichelli con le medaglie vinte a Tokyo

Con l’atletica che ha assegnato già tutti i titoli, il palcoscenico delle ultime 3 giornate di gara delle Olimpiadi di Tokyo 1964, è tutto per le altre discipline. L’Italia è tra le protagoniste grazie a importanti successi colti dai suoi atleti.

Nella prova in linea del ciclismo su strada, il 22 ottobre, è Mario Zanin a trionfare in una gara che vede al via diversi futuri campioni come il belga Eddy Merckx (12esimo) e Felice Gimondi (33esimo). Lo stesso giorno il ginnasta Franco Menichelli fa sua la medaglia d’oro nel corpo libero, battendo il giapponese Yukio Endo, campione nell’all around, e il sovietico Viktor Lisitsky. Oltre a questo grande successo, sale nuovamente sul podio conquistando l’argento nella finale degli anelli, vinta dal nipponico Takuji Hayata.

Il giorno successivo, il 23 ottobre, Menichelli sarà anche bronzo alla parellele, in cui primeggia Endo. Tra le donne intanto si registrano, nelle finali agli attrezzi, le ultime medaglie olimpiche della sovietica Larisa Latynina.Con le 6 medaglie complessivamente vinte a Tokyo, raggiunge quota 18. Solamente a Londra 2012, 48 anni dopo, un atleta riuscirà a superare il suo record: Michael Phelps che arriverà a quota 22, divento l’atleta olimpico più medagliato di sempre.

Fernando Atzori sul gradino più alto del podio

Fernando Atzori sul gradino più alto del podio

Le soddisfazioni per l’Italia non finiscono qui, anzi. Dalle finali del pugilato, in programma il 23 ottobre, arrivano infatti 2 ori vinti da Fernando Atzori nei pesi mosca e da Cosimo Pinto nei mediomassimi. Ci sono anche 3 bronzi con Silvano Bertini nei welter, Franco Valle nei medi e Giuseppe Ros nella categoria open che vede il successo dello statunitense Joe Frazier, destinato a diventare, da professionista, uno dei campioni più celebri della boxe mondiale.

C’è un argento anche dalla scherma, nell’ultima finale, quella della sciabola maschile a squadre. Azzurri (Calarese, Calanchini, Chicca, Ravagnan, Salvadori) battuti nella sfida per l’oro dall’Unione Sovietica.

I tornei degli sport di squadra giungono a conclusione. Nel calcio si laurea oro l’Ungheria, nell’hockey prato l’India supera il Pakistan nella classica sfida, tra le due acerrime rivali, per la terza volta consecutiva atto finale del torneo olimpico. Per la prima volta ai Giochi Olimpici fa la sua apparizione la pallavolo, fortemente voluta dai giapponesi che possono gioire per il titolo vinto dalle ragazze e per il bronzo vinto dagli uomini nel cui torneo i campioni sono i sovietici.

Anton Geesink

Anton Geesink

L’altra nuova disciplina introdotta a Tokyo 1964, per la prima volta alle Olimpiadi, è il judo. Si assegnano titoli in 4 categorie. Nelle finali del 23 ottobre il Giappone vede rovinati i suoi piani di conquistare tutti gli ori a causa dell’olandese Anton Geesink che si impone proprio nella finale della categoria open, battendo l’idolo di casa, Akio Kaminaga, tra la delusione del pubblico nipponico.

Le ultime medaglie in assoluto, di Tokyo 1964, vengono assegnate il 24 ottobre nell’equitazione dove sono in programma le finali del salto a ostacoli. La Germania è oro a squadre mentre Pierre Jonqueres D’Oriola, su Lutteur, si laurea campione individuale (come aveva già fatto 12 anni prima a Helsinki 1952), rompendo il digiuno dei transalpini, mai sul gradino più alto del podio a Roma 1960 e sino all’ultima giornata di gare in Giappone. In serata la Cerimonia di chiusura nel National Stadium, fa calare il sipario sulla XVIII Olimpiade, dando l’appuntamento a tutti gli atleti, tra 4 anni, a Città del Messico.

il medagliere finale di Tokyo 1964

video – il film ufficiale di Tokyo 1964 

Con questo articolo si chude il nostro speciale “Tokyo 1964 /50 anni dopo”, con il quale, dal 10 ottobre, abbiamo ripercorso, nei giorni del suo 50esimo anniversario, l’Olimpiade giapponese, la prima della storia dei 5 cerchi in Asia. Potete rileggere tutti gli articoli, nella sottosezione di “Storie Olimpiche” alla voce “Tokyo 1964-50 anni dopo”.

Leave a Reply