Storie Olimpiche — 17 maggio 2016 at 15:39

La storia del Golf ai Giochi Olimpici, il suo ritorno a Rio 2016, 112 anni dopo

by
Vinicius, la mascotte di Rio 2016 inaugura il nuovo campo da golf olimpico

Vinicius, la mascotte di Rio 2016 inaugura il nuovo campo da golf olimpico

Il golf è tornato sport olimpico dopo l’edizione di St.Louis 1904, e si appresta ad assegnare nuovamente medaglie a cinque cerchi, a distanza di 112 anni dalla seconda e ultima apparizione nel programma delle Olimpiadi.

La prima è a Parigi nel 1900. Il 2 ottobre di quell’anno, 12 golfisti si affrontano su 36 buche al Compeigne Club, a circa 40 km dalla capitale francese, sede dell’Olimpiade.

Charles Sands

Charles Sands

Vince lo statunitense Charles Edwards Sands con un colpo di vantaggio sul britannico Walter Rutherford che si classifica secondo davanti al connazionale David Robertson.

Il giorno seguente tocca alle donne. La più abile di tutte e 10 risulta essere l’americana Margaret Ives Abbott. Sulle 9 buche si impone davanti alle connazionale Pauline Whittier e Daria Pratt. La Abbott diventa la prima donna a vincere un oro olimpico, in qualsiasi sport, per gli Stati Uniti.

Margaret Abbott

Margaret Abbott

Le viene dato in premio un piatto di porcellana, (quella edizione fu l’unica nella storia olimpica in cui i vincitori non ricevono medaglie ma oggetti di valore). Soltanto dopo la sua morte verrà stabilito che la gara è da considerarsi a pieno titolo parte del programma olimpico di Parigi 1900, per questo la Abbott non saprà mai di aver ottenuto uno storico risultato per lo sport femminile.

In gara c’è anche la mamma, Mary Perkins Ives Abbott, che termina al settimo posto. E’l’unica volta in tutta la storia dei Giochi Olimpici che madre e figlia competono nello stesso evento.

Quattro anni più tardi, a St.Louis, il golf è di nuovo presente nel programma olimpico. Le gare si svolgono dal 17 settembre al 24 settembre 1904 presso il Glen Echo Country Club di Saint Louis. Questa volta non ci sono le donne.

George Lyon

George Lyon

Nella prova individuale maschile vince uno dei tre canadesi in gara contro 74 statunitensi, tra i quali Albert Lambert, l’unico ad aver disputato entrambe le prove a 5 cerchi. George Lyon,  a 46 anni, dopo un passato da giocatore di cricket e di tennis, precede nella finale, sulle 36 buche, Henri Egan, al termine di una sfida combattutta sotto una pioggia incessante.

Nel database olimpico viene riconosciuta anche una prova a squadre che vede ai primi 3 posti 3 diversi team a stelle e strisce. I migliori sono i membri del Western Golf Association.

Da allora, il golf non compare più alle Olimpiadi, nonostante vari tentatvi per farlo ritornare. A Londra 1908 sembra tutto pronto per far disputare il torneo, George Lyon si mette in viaggio per difendere il suo titolo, ma l’evento viene cancellato per una disputa tra il “Royal and Ancient Golf Club” di St. Andrews” e il “British Olympic Council”. Al canadese viene persino offerta una medaglia d’oro simbolica, per scusarsi, che viene rifiutata.

Anche a Stoccolma 1912 il golf è assente, sebbene vi siano dei campi, questo sport non è all’epoca molto popolare in Scandinavia. Ad Anversa 1920 l’evento è previsto in programma ma per i pochi biglietti venduti viene eliminato. L’anno successivo il CIO formalizza la regola che uno sport per essere incluso debba essere disputato in almeno 40 paesi e debba avere un unico organo internazionale che lo regoli. Il golf, viene dunque dichiarato ineleggibile per le Olimpiadi.

Prima dei Giochi di Berlino 1936, c’è un torneo di esibizione golfistico a Baden-Baden, a poco del via ufficiale dell’Olimpiade. Adolf Hitler mette a disposizione un trofeo nella speranza di vedere la vittoria di una squadra tedesca. Quando manca un giro al termine, il duo di casa è al comando. Il Fuhrer si mette in viaggio per la località dove si svolge la prova ma quando arriva viene informato del fatto che i britannici hanno vinto stabilendo il record del percorso. Hitler torna a Berlino e, inviperito, non presenzia alla consegna del trofeo.

Poi, dopo tanti anni di silenzio, nel 2009, durante la 121esima sessione del CIO che si svolge a Copenaghen in Danimarca, il golf viene scelto tra i nuovi sport da inserire per i Giochi del 2016 e del 2020. In gara, sul nuovo percorso di Rio de Janeiro, ci saranno i migliori golfisti, al maschile e al femminile. Chi succederà nell’albo d’oro a George Lyon e Margaret Abbott? Nel mese di agosto lo scopriremo.

il tweet dal profilo ufficiale dei Giochi Olimpici di Rio 2016 che annuncia la presentazione del campo da golf

il tweet dal profilo ufficiale dei Giochi Olimpici di Rio 2016 che annuncia la presentazione del campo da golf lo scorso 27 novembre

Leave a Reply