Pallanuoto, Storie Olimpiche — 23 luglio 2013 at 21:30

L’impresa dell’Italia nell’interminabile finale della pallanuoto a Barcellona 1992

by

1992_ItaliaIn questi giorni si stanno disputando a Barcellona, i Campionati Mondiali di nuoto e delle discipline acquatiche. Il torneo di pallanuoto, si sta svolgendo alle Piscine Bernat Picornell, esattamente nello stesso impianto utilizzato per le Olimpiadi di Barcellona 1992.

Di sicuro per Sandro Campagna (attuale commisario tecnico della nazionale maschile), Amedeo Pomilio (assistente tecnico) e Francesco Attolico (team manager) sarà stata un’emozione particolare rimettere piede in quel posto.

Loro c’erano infatti in acqua, l’11 agosto 1992, a giocarsi una drammatica finale del torneo olimpico di pallanuoto contro i padroni di casa della Spagna.

Era il giorno di chiusura dei Giochi e tutta la nazione ospitante si aspettava di chiudere alla grande con una medaglia d’oro. Il clima era caldissimo, in tutti i sensi, con in tribuna i reali spagnoli, pronti a festeggiare.

L’Italia parte benissimo, si porta in vantaggio per 3 volte con 3 gol di scarto e sembra poter avere la meglio. Alcune decisioni arbitrali “casalinghe” di Van Dorp e Martinez riportano a galla la Spagna che ottiene il pareggio a 37″ dal termine con il gol del 7-7 firmato da Oca che manda la sfida ai tempi supplementari. Ed è qui che la partita diventa epica con l’atmosfera che diventa incandescente dentro e fuori dall’acqua.

Il regolamento di allora prevede due tempi di 3 minuti. Nel primo il risultato non cambia ma nel secondo gli spagnoli usufruiscono di un rigore che il capitano Estiarte mette a segno: 8-7 per i padroni di casa a 42″ dalla fine. Il pubblico è in delirio, per gli italiani il rischio della demoralizzazione è altissimo ed il pareggio appare molto difficile.

Ma è Massimiliano Ferretti a trovare a 20″ dalla fine il gol dell’8-8, in superiorità numerica, servito al centro da Alessandro Bovo. Si va così ad una nuova coppia di tempi supplementari che non sblocca la situazione e ne richiede una terza, mentre gli animi si scaldano sempre di più e ci sono scintille anche tra le due panchine.

Al sesto tempo supplementare la svolta: Ferretti, subisce fallo e passa sulla sinistra a Nando Gandolfi che è smarcato e non sbaglia, battendo il portiere Rollan e siglando il gol del 9-8 azzurro. Ora è la Spagna ad essere con l’acqua alla gola, a soli 32″ dal termine e con un’ultima azione in cui provare il tutto per tutto.

I sogni iberici si spengono su una traversa colpita da Oca e per l’Italia della pallanuoto e per tutti gli spettatori davanti alla tv, si scatena la festa. Per Ratko Rudic, è il terzo oro olimpico consecutivo come allenatore ed è il terzo anche per il settebello dopo quelli vinti a Londra 1948 e Roma 1960.

L’Italia chiude conquistando il sesto oro nell’ultima giornata delle Olimpiadi di Barcellona 1992 al termine di una sfida indimenticabile che subito dopo il fischio finale è stata consegnata di diritto nell’antologia dei più grandi momenti dello sport azzurro.

Video: Le 6 medaglie d’oro dell’Italia alle Olimpiadi di Barcellona 1992

Leave a Reply