Storie Olimpiche — 17 giugno 2014 at 00:00

La bandiera olimpica con i cinque cerchi compie 100 anni

by

Olympic FlagUn fondo bianco con al centro cinque cerchi,  intrecciati e disposti su due file: blu, nero e rosso nella prima, giallo e verde nella seconda: è la bandiera olimpica, un simbolo universalmente riconosciuto che compie oggi ufficialmente 100 anni.

Il vessillo viene ideato dallo stesso Pierre De Coubertin, il padre delle Olimpiadi moderne. Il primo disegno risale al luglio 1913.

Il barone ne fa poi realizzare un prototipo, su un drappo di 32 x 2 metri, presso la teleria di “au bon marché”, un grande magazzino francese. Nel suo disegno i 5 cerchi rappresentano i 5 continenti e vengono usati quei 5 colori perchè almeno uno di essi è presente nelle bandiere delle nazioni esistenti all’epoca.

La prima apparizione del drappo è datata 5 giugno 2014 ed avviene allo stadio Chatby di Alessandria d’Egitto, nel corso di un evento sportivo che commemora i 20 anni dalla fondazione del Comitato Olimpico Internazionale. Cerchi e bandiera vengono sottoposti all’approvazione del Congresso CIO che si svolge a Parigi, e sono adottati come simbolo ufficiale il 17 giugno 2014.

A causa dello scoppio, di lì a poco, della Prima Guerra mondiale, i Giochi del 1916 che avrebbero dovuto avere luogo a Berlino, in Germania, vengono annullati. Per vedere così il debutto del vessillo in una Olimpiade, bisogna attendere l’edizione di Anversa del 1920. E’ proprio nello stadio della città belga infatti che per la prima volta, la bandiera con i 5 cerchi sventola in uno stadio olimpico.

Quattro anni dopo a Parigi 1924, per la prima volta i cerchi olimpici saranno incisi sulle medaglie. Dai quei Giochi, il drappo originale verrà utilizzato per essere issato ed ammainato durante le cerimonie di apertura e chiusura delle successive edizioni, sino a Seul 1988, quando sarà sostituito da un vessillo in seta finissima realizzato dal comitato organizzatore dell’Olimpiade coreana.

Video: 100 years of the Olympic Flag

seguite cerchidigloria.it anche su facebook , twitter youtube

Leave a Reply