Storie Olimpiche — 4 giugno 2016 at 09:35

Addio a un gigante della storia dello sport e del ‘900: Muhammad Ali

by

muhammad aliCi ha lasciato nella notte Muhammad Ali, il più grande pugile di tutti i tempi ed una vera e propria icona dello sport e del ‘900.

Tutto il mondo oggi lo ricorda. Impossibile raccontare in poche parole la sua vita e la sua straordinaria carriera, costellata di grandi imprese e match passati alla leggenda.

Vogliamo ricordare qui il suo rapporto con i Giochi Olimpici, perchè è da lì che tutto ha avuto inizio. La sua stella inizia a splendere proprio a Roma, nell’Olimpiade del 1960.

cassius clay muhammad ali roma 1960All’epoca si faceva chiamare ancora con il suo nome di battesimo, Cassius Clay. A 18 anni compiuti da pochi mesi, trionfa nella categoria dei pesi mediomassimi, dominando il torneo, senza trovare nessuno capace di impensierirlo minimamente.

Nella finale supera il polacco Zbigniew Pietrzykowski e conquista così la medaglia d’oro olimpica.

Da lì inizierà la sua carriera professionistica, che lo vedrà più volte sul trono mondiale. Ma la sua storia con i 5 cerchi non è ancora finita…tornerà ai Giochi del centenario, ad Atlanta nel 1996, dove tra la sorpresa generale è proprio lui ad accendere il braciere come ultimo tedoforo, scosso dal morbo di parkinson.

muhammad ali atlanta 1996Un’immagine potentissima che conquisterà ed emozionerà il mondo intero, consegnando un nuovo fotogramma destinato a rimanere immortale nel tempo.

In quella stessa edizione riceve anche una replica della medaglia d’oro vinta nel 1960 che era andata persa, mentre secondo la leggenda, sarebbe stata gettata nel fiume Ohio, come segno di protesta per la situazione dei neri in America.

Si potrebbe dire tanto di questo fenomenale campione, le sue frasi, le sue battaglie, il suo impegno per i diritti civili, le sue vittorie…ma preferiamo lasciar parlare le immagini che forse valgono più di tante parole, cominciando da quanto successo ad Atlanta 1996, per chiudere con una clip dei suoi migliori momenti.

Leave a Reply