Vela — 26 settembre 2013 at 12:00

Dopo i 4 ori olimpici, Sir Ben Ainslie alza al cielo anche la America’s Cup

by

ainslieDopo essere entrato nella leggenda delle Olimpiadi, il velista britannico Ben Ainslie ha messo la sua firma anche sulla America’s Cup 2013. Come tattico del team Oracle è stato protagonista dell’incredibile rimonta nella finale vinta 9-8 contro New Zealand. L’imbarcazione americana si era trovata sotto 1-8, con le spalle al muro e senza più possibilità di sbagliare.

Nella regata decisiva, andata in scena la scorsa notte, Oracle, con il timoniere australiano James Spithill, ha chiuso con 44″ di vantaggio sui rivali. Decisivo il lato di bolina in cui Dean Barker e New Zealand sono stati raggiunti e addirittura superati di circa 500 metri.

L’America’s Cup resta cosi in America e a San Francisco, al termine dell’edizione più controversa di sempre della manifestazione che porterà inevitabilmente ad interrogarsi su quale via scegliere per la prossima sfida.

Il baronetto Ben Ainslie si gode il trionfo e conferma, una volta di più, le sue grandi doti, dopo aver raggiunto lo scorso anno ai Giochi di Londra 2012 lo storico traguardo della quarta medaglia d’oro olimpica consecutiva, grazie alla vittoria nella classe Finn. Considerando anche l’argento, vinto ad Atlanta 1996 (classe Laser) sono 5 le medaglie vinte dal britannico ai Giochi.

Nel video gli highlights della regata decisiva tra Oracle e New Zealand:

Leave a Reply