Pallamano — 26 gennaio 2014 at 19:16

La Francia vince gli Europei 2014 di Pallamano maschile in Danimarca

by

71510_660539893987915_661479436_nSuperba prova dei campioni olimpici di Londra 2012, la Francia si è laureata per la terza volta nella sua storia campione d’europa nella pallamano maschile. Nella finale degli Europei 2014, splendidamente organizzati dalla Danimarca, i transalpini hanno superato proprio la squadra di casa, nell’incontro che poneva difronte le nazionali vincitrici delle ultime 4 edizioni (2 a testa) del torneo continentale.

La Jyske Bank Boxen di Herning, completamente esaurita, offre un bellissimo colpo d’occhio. Un mare rosso incita la squadra di casa alla conquista del titolo, ma i francesi non si lasciano intimorire dal calore del pubblico e anzi, spingono subito sull’acceleratore, difendendo bene sin dall’avvio e castigando gli avversari in attacco.

La Francia, sempre in vantaggio, arriva ad avere anche un margine di 10 reti (per la prima volta sul 18-8) e chiude la prima frazione sul 23-16 in proprio favore. Nonostante il tentativo di rimonta nella ripresa, trascinati da Mikkel Hansen (9 reti), i danesi non riescono mai ad avvicinarsi al di sotto delle 6 reti di svantaggio. I transalpini trionfano chiudendo la sfida sul 41-32 finale. Nelle fila dei neocampioni europei, grande prova dell’MVP degli Europei Nikola Karabatic (5 reti) con Michael Guigou e Valentin Porte autori rispettivamente di 10 e 9 reti, mentre Thierry Omeyer offre una solida prestazione a difesa della porta con 12 parate a referto (clicca qui per il tabellino completo della partita).

In precedenza, nella finale per il terzo posto, vittoria della Spagna che agguanta la medaglia di bronzo imponendosi 29-28 sulla Croazia, al termine di una sfida molto equilibrata. La prossima rassegna continentale della pallamano maschile sarà nel 2016 in Polonia mentre nel gennaio 2015 sarà tempo di Mondiali 2015 in Qatar, l’ultimo grande evento internazionale, per questa disciplina, prima dei Giochi Olimpici di Rio 2016.

Leave a Reply