Atletica, Mosca 2013 — 16 agosto 2013 at 09:30

Sogno sfumato per il triplista Daniele Greco: Infortunio nel riscaldamento e Mondiali finiti

by
mosca471

Foto Colombo/FIDAL

Un infortunio ha messo fine ai Mondiali 2013 per Daniele Greco. Il triplista azzurro, quarto a Londra 2012 e forse la più grande chance di medaglia per l’atletica italiana a Mosca, non ha potuto nemmeno prendere parte alle qualificazioni, previste per questa mattina, a causa di un infortunio, occorsogli durante il riscaldamento pre gara.

“È sfumato tutto in un attimo”, ha raccontato sconsolato dopo lo stop forzato, “Non mi sarei mai aspettato finisse così, prima di cominciare. Stavo preparando questo appuntamento da 9 mesi, mi sentivo bene, avevo grandi sensazioni ed ero pronto a giocarmi le mie carte fino in fondo per la vittoria. Durante il riscaldamento, mentre provavo un salto, ho avvertito una fitta appena appoggiato il piede destro a terra. Subito dopo ho provato un forte dolore nel retrocoscia ed ho capito che era finita. Per la rabbia mi veniva da piangere, ho provato a vedere se il dolore passava ma non c’è stato niente da fare, con l’impedimento meccanico era inutile insisitere. Nello sport succede anche questo, sono amareggiato ma non mi scoraggio, ho 24 anni e tornerò più forte di prima”.

Oltre a Greco erano in gara anche altri 2 azzurri: il bronzo olimpico 2012 Fabrizio Donato (16.53) e Fabrizio Schembri, unico a superare le qualificazioni con 16.83, nona misura di giornata.

Foto Colombo/FIDAL

Foto Colombo/FIDAL

Sempre in mattinata le qualifiche dei 100 ostacoli femminili con Marzia Caravelli (13″07) qualificata al turno successivo, mentre non ce l’ha fatta Veronica Borsi (13″35) che ci ha provato lo stesso, nonostante un forte dolore al piede che l’ha fortemente penalizzata. Molto bene la 4×400 femminile italiana che si è qualificata per la finale, arrivando seconda in batteria, alle spalle degli Stati Uniti: 3’29″62 per Bazzoni, Milani, Chigbolu e Grenot.

Tralasciando l’ambito strettamente legato alle vicende degli atleti italiani, la mattinata ha visto anche il primo turno dei 200 metri maschili. Usain Bolt ha vinto la sua serie  con un tranquillo 20″66 (eliminato l’azzurro Enrico Demonte – 21″13).

In serata (a partire dalle 17 italiane) si assegneranno, allo stadio Luzhniki, altri 6 titoli nella terzultima giornata dei Mondiali di atletica 2013: martello donne, salto in lungo uomini, Getto del Peso uomini, 5000 metri uomini, 200 metri donne e 4×400 uomini.

Leave a Reply