Sochi 2014: Vincitori e medagliati di mercoledì 19 febbraio, Ole Einar Bjoerndalen nella storia

by

norbiagoldBiathlon: Apertura doverosa dalla staffetta mista del biathlon che ha visto l’Italia conquistare la sua settima medaglia ai Giochi Invernali di Sochi 2014. Dorothea Wierer, Karin Oberhofer, Dominik Windisch e Lukas Hofer hanno portato a casa il bronzo, al termine di una bellissima gara che ha visto il trionfo della Norvegia davanti alla Repubblica Ceca. Nelle fila dei norvegesi, terzo frazionista Ole Einar Bjoerndalen, che ha così conquistato la sua medaglia numero 13 (8 ori) nelle Olimpiadi Invernali, andando a superare il record all-time del connazionale Bjoern Daehlie, fondista norvegese vincitore di 12 medaglie.

Bob: L’equipaggio Canada 1, composto da Kaillie Humphries e Heather Moyse vince l’oro del bob a 2 femminile, rimontando nella quarta e ultima discesa su USA 1 di Elana Meyers e Lauryn Williams che sfiora l’impresa di diventare la prima donna di sempre e la seconda atleta in assoluto a conquistare un titolo olimpico sia ai Giochi Estivi (oro a Londra 2012 nella 4×100) che ai Giochi Invernali, eguagliando quanto fatto dall’americano Eddie Eagan (clicca qui per leggere la sua storia), oro ad Anversa 1920 nella boxe e a Lake Placid 1932 nel bob a 4. Entra comunque a far parte, con l’argento vinto stasera, di un ristretto club di speciali medagliati. Completa il podio di questa prova USA 2 (Jamie Gruebel, Aja Evans).

Sci Alpino: Lo statunitense Ted Ligety si è laureato campione olimpico 2014 dello slalom gigante maschile. Sul podio insieme a lui due francesi, Steve Missillier, secondo, e Alexis Pinturault, terzo. L’azzurro Davide Simoncelli era terzo dopo la prima manche, ma è sprofondato in 17ma posizione, dopo la seconda discesa.

Snowboard: Giornata storta per i colori italiani nel gigante parallelo. Solamente Corinna Boccacini è riuscita a superare le qualificazioni, perdendo poi negli ottavi. La vittoria in campo maschile è andata all’americano, naturalizzato russo Vic Wild, che ha superato in finale lo svizzero Nevin Galmarini. Bronzo allo sloveno Zan Kosir. Tra le donne, vittoria della favorita, la svizzera Patrizia Kummer. Seconda la giapponese Tomoka Takeuchi, terza la russa Alena Zavarzina, moglie dell’oro della gara maschile.

Sci di fondo: Nella giornata delle team sprint a tecnica classica fanno festa la Finlandia (Niskanen-Jauhojaervi), vincitrice della prova maschile davanti a Russia e Svezia, e la Norvegia (Bjoergen-Oestberg) che si aggiudica la prova femminile, precedendo Finlandia e Svezia. Fuori in semifinale le coppie italiane. I finlandesi interrompono il digiuno di vittorie olimpiche che durava dal 2002.

Pattinaggio velocità: Nei 5000 metri femminili, torna alla vittoria la ceka Martina Sablikova che si impone davanti a due olandesi, Ireen Wust, argento, e Carien Kleibeuker, bronzo.

seguite cerchidigloria.it anche su facebook , twitter youtube

Leave a Reply