Freestyle, SOCHI 2014 — 9 gennaio 2014 at 00:33

Sochi 2014: Julia Marino sarà la prima atleta del Paraguay nella storia delle Olimpiadi Invernali

by

1467329_263153520502574_1132837493_nIl Paraguay ha debuttato nei Giochi Olimpici a Città del Messico 1968 ed ha inviato da allora atleti in tutte le edizioni estive (ad eccezione di Mosca 1980 per il boicottaggio), vincendo una sola medaglia, l’argento della nazionale di calcio maschile ad Atene 2004. Mai nessuno ha rappresentato questa nazione ai Giochi Invernali, ma, tra un mese esatto, sarà Julia Marino la prima paraguayana a gareggiare in una Olimpiade dedicata agli sport della neve e del ghiaccio. La sua specialità è lo ski slopestyle che debutterà proprio a Sochi 2014 tra gli sport olimpici.

Julia Marino è nata 21 anni fa a Bahia Negra nel Chaco, una delle regioni più calde del Paraguay e dopo pohi mesi di vita è stata adottata da una famiglia statunitense. E’ cresciuta a Winchester nel Massachusetts, studiando all’Università del Colorado. Ha gareggiato come membro della nazionale statunitense, sino alla fine della passata stagione, prima di scegliere di rappresentare la sua nazione d’origine.

Pur non avendo mai conosciuto la sua famiglia biologica, Julia è’ rimasta sempre legata al Paraguay che ha visitato per la prima volta, lo scorso novembre. 1459992_268828959935030_1809499198_nSuo padre adottivo John è morto quando lei aveva 15 anni ma ha sempre aiutato la figlia a essere orgogliosa delle sue origini, come tuttora fanno la madre e il fratello, i suoi primi sostenitori.

Ha iniziato a praticare il freestyle a 11 anni e non sarà a Sochi solo per partecipare, ma per puntare in alto, confortata dai buoni risultati ottenuti nelle passate stagioni, incluso un secondo posto nella prova finale della Coppa del mondo 2012-2013 di ski slopestyle a Sierra Nevada.

Julia vuole vivere a pieno le Olimpiadi, a partire dalla Cerimonia d’apertura del 7 febbraio, in cui avrà l’onore di sfilare con la bandiera del Paraguay, per la prima volta presente ai Giochi Invernali. Ieri è stata impegnata nelle qualificazioni della prova di Coppa del mondo a Breckenridge, negli Stati Uniti. Non è riuscita a superarle, chiudendo al 18mo posto. Per lei si è trattato di un ritorno in gara, dopo aver recuperato dall’infortunio alla clavicola, per una caduta ad ottobre durante gli allenamenti in Svizzera.

Leave a Reply