Road to Sochi 2014: Arianna Fontana ep.1: “il mio quinto titolo europeo”

by

500x375Per Arianna Fontana, la più giovane medagliata italiana nella storia delle Olimpiadi Invernali (a Torino 2006), i Campionati Europei di Short Track 2013, andati in scena nel mese di gennaio in Svezia, a Malmö, sono stati un nuovo successo con la conquista del quinto titolo continentale, il terzo consecutivo. E’iniziato proprio da lì lo scorso anno su wintersport-news.it, il racconto della sua “Road to Sochi 2014”, con un piccolo diario degli europei. Ecco come ha vissuto, giorno per giorno, questo importante evento:

 

pubblicato il 23 gennaio 2013

 

E’ giovedì, domani iniziano le gare, non vedo l’ora! Mi sento meglio e voglio dimostrare a me stessa che posso tornare sul podio. L’allenamento è andato bene, ho un bel ritmo nelle gambe…voglio gareggiare!!

Venerdì: Finalmente ci siamo, si va in pista! Sono davvero contenta di questo argento nei 1500, mi serviva per trovare le risposte di cui avevo bisogno. L’inglese Elise Christie è andata davvero forte e sarà un osso duro da battere. Ci sono ancora altre distanze, vediamo giorno per giorno! Intanto è arrivato anche il bronzo di Yuri Confortola nella gara maschile, che bravo, se lo è davvero meritato!

Sabato: Magnifico! Che finale nei 500 metri, è stato davvero bello! L’ultima volta che sono andata per terra dopo la partenza stavo cominciando ad innervosirmi, poi Toor (il fisioterapista) mi ha urlato: Tagliale la gola! Non ho potuto non ridere. Mi sono tranquillizzata e mi sono detta, è il momento di fare sul serio, pronti e via! All’arrivo ero felicissima, e vedendo Kenan e Eric così contenti ero al settimo cielo, non penso di essere mai stata così contenta di vincere una singola distanza agli Europei. E’ stata una sensazione davvero bella. Peccato che la giornata non sia finita ancora meglio vista purtroppo la squalifica della nostra staffetta, che peccato! Secondo i giudici avrei intralciato una olandese che poi è caduta ma in realtà la mia gamba sinistra era ben distante da lei perché mi stavo già spostando all’esterno. E’lei che mi è venuta addosso e io non potevo certo scomparire. Per fortuna ai ragazzi è andata meglio, loro sono in finale e questo fa tornare il sorriso a tutti.

Domenica: Si chiudono gli Europei e per la quinta volta porto a casa il titolo, sono davvero contenta! Nei 1000 metri è arrivato un altro argento dietro all’inglese e così prima della super finale dei 3000 metri ero ancora in testa alla classifica generale. Eravamo in due a giocarci il titolo, ero pronta a combattere fino alla fine ma Elise mi ha reso le cose più facili cadendo l’ultimo giro, lo short track è anche questo, purtroppo capita anche troppo spesso di cadere! Alla sera abbiamo festeggiato con la squadra, nel party dove premiano gli atleti e si sta tutti insieme. Siamo andati in comune per questa cena, c’erano delle sale stupende, io e le ragazze ci siamo divertite un mondo!

Leave a Reply