CIO & Olympic News — 3 aprile 2014 at 15:01

Thomas Bach appoggia il piano per consentire a più donne saudite di competere nelle Olimpiadi

by

London Olympics Athletics WomenThomas Bach, ha incontrato il Presidente del Comitato Olimpico dell’Arabia Saudita, il Principe Nawaf Faisal Fahd Bin Abdulaziz, durante il suo tour di 4 giorni nelle nazioni del Golfo, che ha incluso anche visite a Kuwait e Qatar, per discutere del futuro dello sport nei paesi musulmani più conservativi.

Si è parlato di un piano di 6 anni per incrementare il numero delle atlete saudite partecipanti ai Giochi Olimpici, già a partire dalle Olimpiadi di Rio 2016, grazie all’introduzione di migliori metodi di allenamento, in particolare a livello universitario. Il numero 1 del CIO ha promesso pieno appoggio a questa iniziativa che va esattamente nella direzione sperata dai vertici del movimento olimpico.

L’Arabia Saudita, presente ai Giochi da Monaco 1972, è stata rappresentata solo a Londra 2012 dalle prime atlete di sesso femminile, in seguito alla pressione ricevuto dal CIO con relativa minaccia di esclusione. La judoka Wojdan Shaherkani e l’ottocentista Sarah Attar hanno abbattuto questo muro storico per le donne saudite, mentre 2 anni prima, nei Giochi Giovanili del 2010 a Singapore, Dalma Rushdi Malhas, ha vinto un bronzo nell’equitazione.

Video – Sarah Attar e i suoi storici 800 metri a Londra 2012:

seguite cerchidigloria.it anche su facebook , twitter youtube

Leave a Reply