CIO & Olympic News, Olimpiadi 2024 — 15 dicembre 2014 at 11:36

Roma si candida per ospitare le Olimpiadi 2024, l’annuncio dato dal premier Matteo Renzi

by

Renzi Coni Roma 2024ROMA – La notizia era annunciata e si attendeva solo l’ufficialità, prevista proprio per questa giornata, nell’occasione della consegna dei “Collari d’Oro” al Salone d’Onore del CONI. Da questa mattina, Roma è ufficialmente candidata per ospitare le Olimpiadi del 2024. L’annuncio è stato dato alle ore 11.17, dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Non sarà una candidatura fatta tanto per partecipare, ma si tratta di una candidatura fatta per vincere“, queste le parole usate da Renzi che ha poi proseguito con convinzione “Si può non vincere, ma mai senza averci provato, l’impegno sarà massimo, il governo è pronto a fare la sua parte. Questo è un progetto fatto di grandi persone. Sarà una delle cose più belle che faremo, per noi, l’Italia e i nostri figli“.

Dopo le Olimpiadi, ospitate dalla capitale nel 1960, e la rinuncia alla candidatura per i Giochi del 2020 (poi assegnati a Tokyo), in cui avrebbe avuto enormi margini di successo, entrando con ogni probabilità da favorita, Roma prova dunque a riportare la bandiera a 5 cerchi in Italia.

Renzi e Malagò Olimpiadi Roma 2024Grazie alle nuove frontiere date dall’approvazione, settimana scorsa a Montecarlo, da parte del CIO, dell’Agenda Olimpica 2020, i costi di organizzazione e di candidatura sono stati notevolmente ridotti, anche grazie alla possibilità di far svolgere alcuni eventi in altre città della stessa nazione ospitante o addirittura al di fuori della nazione stessa. Proprio nella parole del premier Renzi c’è stato un accenno a questo particolare “Roma sarà al centro del progetto, starà poi al Presidente Malagò e al Coni decidere successivamente quali altre zone coinvolgere, a cominciare dalle più vicine Firenze, Napoli e Sardegna”.

Le avversarie di Roma, avranno tempo per presentare in via ufficiale la propria candidatura sino al 15 settembre 2015. Da quel momento inizieranno le varie tappe del processo che porterà sino all’elezione della città sede dei Giochi 2024, il 15 settembre 2017 a Lima, in Perù, durante la 130esima Sessione del CIO.

Se come già detto in precedenza, per il 2020 Roma avrebbe avuto grandi chance, il quadro per il 2024 è decisamente cambiato. La nostra capitale, nonostante tutti i problemi del paese e le ultime vicende che l’hanno coinvolta negativamente, continua a godere di un grande appeal agli occhi dei membri del CIO ed indubbiamente la sua è una candidatura di peso.

Dopo Rio 2016, ci saranno 3 edizioni consecutive (2 invernali e 1 estiva) delle Olimpiadi in Asia (2018 PyeongChang, 2020 Tokyo, 2022 Pechino o Almaty) e questo fa aumentare le possibilità di spuntarla per una città europea. Ma Roma non è l’unica grande interessata. Parigi, è ancora potenzialmente interessata per quella che sarebbe l’edizione del centenario nella capitale francese, dopo il 1924. La Germania deve scegliere tra Amburgo e Berlino e tanto altro si sta muovendo e si muoverà. Anche negli altri continenti non si starà a guardare (Australia, Qatar, Sudafrica…) e soprattutto ci sono gli Stati Uniti con una fortissima voglia di Olimpiadi Estive (che mancano dal 1996) ed il peso di una “cambiale” da incassare, dopo i tanti soldi pagati dalla NBC per i diritti televisivi. A breve sarà sciolta la riserva su chi tra Boston, Washington, Los Angeles e San Francisco, rappresenterà la candidata statunitense per i Giochi 2024. Chiunque sia, entrerà in gara da favorita.

Si prospetta dunque una corsa combattuta forse come non mai, con tante grandi città in lotta. Non succedeva da tempo e dopo il triste spettacolo delle rinunce di massa, prima per il 2020, e soprattutto con l’ecatombe di candidate per le Invernali del 2022, è una bella notizia per il Comitato Olimpico Internazionale. In bocca al lupo Roma!

Leave a Reply