CIO & Olympic News, Città Olimpica 2020 — 25 giugno 2013 at 18:05

Olimpiadi 2020: La relazione ufficiale del CIO lascia aperta la sfida tra Istanbul, Tokyo e Madrid

by

2020_Candidate_Cities_630

Il CIO ha pubblicato oggi la relazione ufficiale sulle tre città candidate per ospitare le Olimpiadi 2020. Per quanto rigurda Istanbul si dice chiaramente che la sua storia, le diverse culture, l’amore per lo sport, la popolarità come destinazione turistica sarebbero fattori importanti per promuovere i Giochi.

In generale la commissione di valutazione del CIO giudica il piano proposto dalla capitale turca adeguato per assicurare delle Olimpiadi sicure sebbene la Turchia si trovi in una delle regioni più instabili del mondo, confinante peraltro con la Siria. Le perplessità maggiori sembrano invece riguardare i trasporti. Secondo la commissione infatti il rischio di congestione del traffico, nel periodo olimpico, è alto. Non si accenna agli scontri ed alle proteste di Piazza Taksim, in quanto la commissione ha lasciato la città a fine marzo, ma potrebbe essere anche questo un fattore capace di pesare in modo rilevante, per la scelta.

Uno dei fattori valutati molto positivamente dal CIO è invece il consenso popolare con oltre l’83% degli abitanti di Istanbul, a favore dei Giochi 2020, così come il 76% dei turchi.

Ben 13 punti in più in percentuale rispetto a Tokyo, dove il consenso degli abitanti è al 70% (67% nella nazione). E’ probabilmente la capitale giapponese, già sede olimpica nel 1964, quella ad aver ricevuto nel complesso la migliore relazione fra le 3 candidate.

Gli unici dubbi sembrano riguardare l’utilizzo di alcune strutture nel centro della città (già sfruttate per i Giochi estivi del 1964) proposte per judo, tennistavolo e pugliato.La commissione ritiene che presenterebbero difficoltà operative a causa del limitato spazio disponibili attorno alle venues. Il punto di forza della candidatura nipponica è senza dubbio il forte sostegno economico.

Proprio l’economia è invece il principale ostacolo di Madrid. Organizzare i Giochi 2020 nella capitale spagnola potrebbe presentare dei rischi a causa della situazione di crisi del paese, sebbene siano previsti notevoli ricavi dalle sponsorizzazioni e ci siano segnali di ripresa.

Il progetto è definito dalla commissione CIO come decisamente compatto. L’uso degli impianti esistenti e il completamento di quelli in costruzione rinforzerebbe il forte legame che Madrid vive con lo sport.

In conclusione si può dire che la relazione ufficiale del Cio lasci le porte aperte ad ognuna delle 3 candidate per le Olimpiadi 2020. Si entra ora nella fase più importante, il 7 settembre, giorno della decisione definitiva, è sempre più vicino.

Leave a Reply